Page images
PDF

AD JOANNEM MILTONUM.

GRECIA Maeonidem, jactet sibi Roma Maronem, Anglia Miltonum jactat utrique parem. SELVAGGI.

AL SIGNIOR GIO. MILTONI NOBILE INGLESE. Ode.

ERGIMI all' Etra Ó Clin
Perche di stelle intreccieró corona,
Non piú del biondo Dio
La fronde eterna in Pindo, e in Elicona,
Diensi a merto maggior, maggiori i fregi,
A celeste virtù celesti pregi.
Non puo del tempo edace
Rimaner preda, eterno alto valore,
Non puo 1' oblio rapace
Furar dalle memorie eccelso onore;
Su l'arco di mia cetra un dardo forte
Wirtù m'adatti, e feriro la morte.
Del Ocean profondo
Cinta dagli ampi gorghi Anglia resiede
Separata dal mondo,
Perú che il suo valor l'umana eccede:
Questa seconda sa produrre Eroi,
Ch'ihanno a ragion del sovruman tra noi.

Alla virtù sbandita
Dannone i petti lor fido ricetto,
Quella gli è sol gradita,
Perche in leisan trovar gioia e diletto;
Ridillo tu, Giovanni, e mostra in tanto
Con tua vera virtù, vero il mio canto.
Lungi dal patrio lido
Spinse Zeusi l’industre ardente brama;
Ch'udio d’Helena il grido
Con aurea tromba rimbombar la fama,
E per poterla effigiare al paro
Dalle più belle Idee trasse il più raro.
Cosi l’ape ingegnosa
Trae con industria il suo liquor pregiato

Dal giglio e dalla rosa,
E quanti vaghi fiori ornano il prato;
Formano un dolce suon diverse chorde,
Fan varie voci melodia concorde.

Di bella gloria amante
Milton dal Ciel natio per varie parti
Le peregrine piante -
Volgesti a ricercar scienze, ed arti;
Del Gallo regnator vedesti i regni,
E dell'Italia ancor gl'Eroi più degni

Fabro quasi divino
Sol virtù rintracciando il tuo pensiero
Vide in ogni confino
Chi di nobil valor calca il sentiero;
L'ottimo dal miglior dopo scegliea
Per fabbricar d'ogni virtu l'idea.

Quanti nacquero in Flora
O in lei del parlar Tosco appreser l'arte,
La cui memoria onora
Il mondo fatta eterna in dotte carte,
Volesti ricercar per tuo tesoro,
E parlasti con lor nell'opre loro.

Nell'altera Babelle
Per te il parlar confuse Giove in vano,
Che per varie favelle
Di se stessa trofeo cadde sul piano:
Ch'ode oltr all'Anglia il suo più degno idioma
Spagna, Francia, Toscana, e Grecia, e Roma.

I più profondi arcani
Ch'occulta la natura e in cielo e in terra
Ch'à ingegni sovrumani
Troppo avara tal' hor gli chiude, e serra,
Chiaramente conosci, e giungi al fine
Della moral virtude al gran confine.

Non batta il Tempo l'ale,
Fermisi immoto, e in un fermin si gl'anni,
Che di virtù immortale
Scorron di troppo ingiuriosi a i danni;
Che s'opre degne di poema o storia
Furon gia, l'hai presenti alla memoria.

Dammi tua dolce cetra
Se vuoi ch'io dica del tuo dolce canto,
Ch'inalzandoti all'Etra
Di farti huomo celeste ottiene il vanto,
Il Tamigi il dirà che gl’e concesso
Per te, suo cigno, parreggiar Permesso

I o che in riva del Arno
Tento spiegar tuo merto alto e preclaro,
So che fatico indarno,
E ad ammirar, non a lodarlo imparo;
Freno dunque la lingua, e ascolto il core
Che ti prende a lodar con lo stupore.
Del sig. ANToNIo FRANCINI,

Gentilhuomo Fiorentino.

JOANNI MILTONI
LONDINENSI:

Juveni patria, virtutibus, erimio,

WIRo qui multa peregrinatione, studio cuncta orbister

rarum loca perspexit, ut novus Ulysses omnia ubique ab omnibus apprehenderet:

Polyglotto, in cujus ore linguae jam deperdita sic reviviscunt, ut idiomata omnia sint in ejus laudibusinfacunda; et jure ea percallet, ut admirationes et plausus populorum ab propriá sapientiá excitatos intelligat:

Illi, cujus animi dotes corporisque sensus ad admirationem commovent, et per ipsam motum cuique auferunt; cujus opera ad plausus hortantur, sed venustate" vocem laudatoribus adimunt.

Cul in memoria totus orbis; in intellectu sapientia; in voluntate ardor gloriae; in ore eloquentia; harmonicos coelestium sphaerarum sonitus astronomià duce audienti; characteres mirabilium naturae per quos Dei magnitudo describitur magistrā philosophiá legenti; , antiquitatum latebras, vetustatis excidia, eruditionis ambages, comite assiduá auctorum lectione,

“Exquirenti, restauranti, percurrenti. At cur nitor in arduum?”

1 Wastitate, Edit. 1645.

Illi in cujus virtutibus evulgandis ora Famæ non sufficiant, nec hominum stupor in laudandis satis est, reverentiæ et amoris ergo hoc ejus meritis debitum admirationis tributum offert CARoLUs DATUs, Patricius Florentinus,

Tanto homini servus, tantæ virtutis amator.

[ocr errors][merged small][merged small]

TANDEM, chare, tuæ mihi pervenere tabellae;
Pertulit et voces nuncia charta tuas;
Pertulit, occiduá Deva Cestrensis ab orá
Wergivium prono qua petit amne salum.
Multum, crede, juvat terras aluisse remotas
Pectus amans nostri, tamgue fidele caput,
Quodgue mihi lepidum tellus longinqua sodalem
Debet, at unde brevi reddere jussa velit.
Me tenet urbs refluâ quam Thamesis alluit undă,
Meque nec invitum patria dulcis habet.
Jam nec arundiferum mihi cura revisere Camum,
Nec dudum vetiti me laris angit amor.
Nuda nec arva placent, umbrasque negantia molles:
Quam male Phoebicclis convenit ille locus !
Nec duri libet usque minas perferre magistri,
Caeteraque ingenio non subeundameo.
Sisit hoc exilium patrios adiisse penates,
Et vacuum curis otia grata sequi,
Non ego vel profugi nomen, sortemve recuso,
Laetus et exilii conditione fruor.
O utinam vates nunquam graviora tulisset
Ille Tomitano flebilis exul agro;
Non tune Ionio quicquam cessisset Homero,
Neve foret victo laus tibi prima Maro.
Tempora nam licethic placidis dare libera Musis,
Et totum rapiunt me mea vita libri.

« PreviousContinue »